Perché ci si ammala e quali sono i sintomi

Home / info / Perché ci si ammala e quali sono i sintomi

Perché ci si ammala e quali sono i sintomi

info

Perché ci si ammala e quali sono i sintomi

29/06/2015

La sclerosi multipla è una malattia neurologica che interessa il sistema nervoso centrale e che tende a peggiorare nel tempo.

Le cause non sono pienamente conosciute, anche se si ipotizza una combinazione di fattori che interagiscono nel determinarla.

Secondo gli ultimi studi esisterebbe una predisposizione genetica che viene attivata da fattori esterni, come per esempio le infezioni virali.

Un tempo la sclerosi multipla era chiamata anche sclerosi a placche per la caratteristica disposizione delle lesioni nel sistema nervoso centrale evidenziate dalle tecniche di imaging come la risonanza magnetica.

Nella sclerosi multipla si verifica infatti una perdita di mielina in diverse aree del sistema nervoso centrale. Per questo motivo si chiama “multipla”.

Tali aree di «demielinizzazione» possono essere di grandezza variabile e prendono appunto il nome di placche.

Il processo di demielinizzazione provoca danni che possono evolvere da una fase infiammatoria iniziale a una fase cronica, in cui assumono caratteristiche simili a cicatrici, da cui deriva il termine «sclerosi».

I sintomi della sclerosi multipla sono infatti legati alla comparsa di lesioni della mielina, la sostanza che riveste i nervi ed ha il compito di isolarli elettricamente e metabolicamente e di assicurare la giusta velocità al passaggio del segnale nervoso.

Lesioni della mielina possono interrompere la conduzione del segnale nervoso e quindi manifestarsi con disturbi motori, sensitivi o cognitivi a seconda dell’area cerebrale interessata.

La sclerosi multipla è considerata una malattia autoimmune perché nei malati si evidenzia un’aggressione delle cellule del sistema immune proprio contro la mielina.

Principali sintomi della malattia

Esistono numerosi modi in cui la sclerosi multipla può presentarsi. Ciò significa che i sintomi tendono a variare da persona a persona. E non solo: in uno stesso individuo ve ne sono alcuni che si ripetono in maniera più frequente, soprattutto all’esordio.

I sintomi della sclerosi multipla più frequenti sono:

  • debolezza fisica. Si percepisce una certa difficoltà a svolgere anche le normali attività e si assiste a una generale perdita di forza muscolare.
  • disturbi nella visione. Si verifica un calo visivo rapido e importante. A volte si osserva uno sdoppiamento della vista oppure la presenza di movimenti dell’occhio che non si riescono a controllare.
  • formicolii e mancanza di sensibilità. Si presentano sintomi quali formicolii fastidiosi e persistenti, a volte sono accompagnati da una sensazione di intorpidimento agli arti e perdita di sensibilità al tatto, a causa della quale non si percepisce più il caldo e il freddo.

Va detto  che tali sintomi possono presentarsi singolarmente oppure tutti assieme, senza che ci sia un criterio prestabilito.

Nella sua forma più frequente, la sclerosi multipla recidivante remittente, la malattia si manifesta con attacchi acuti, dovuti alla comparsa di una nuova lesione oppure dall’attivazione di fenomeni immunitari e infiammatori a carico di lesioni già esistenti.

Subito dopo l’attacco, la sintomatologia regredisce (ma non sempre completamente) e la malattia torna silente fino all’attacco successivo.

Con il tempo le lesioni diventano irreparabili e gli esiti del danno neurologico permanenti. I disturbi sono variabili e dipendono dall’area colpita.

Possono essere interessati i movimenti degli arti, la vista, la parola, il tatto ma anche alcune funzioni cognitive .

Molte persone, agli inizi, non identificano immediatamente questi sintomi con la sclerosi multipla, per cui vanno incontro ad ansie e paura. E spesso si sottopongono ad accertamenti ed esami non necessari.

Dalla rete

Advertise

Related reading

Start typing and press Enter to search