Epatocarcinoma, positivi i risultati dello studio CELESTIAL su cabozantinib

Home / tumore del fegato / Epatocarcinoma, positivi i risultati dello studio CELESTIAL su cabozantinib

Epatocarcinoma, positivi i risultati dello studio CELESTIAL su cabozantinib

tumore del fegato

Epatocarcinoma, positivi i risultati dello studio CELESTIAL su cabozantinib

23/01/2018

Nel prossimo futuro potrebbe essere disponibile una nuova arma contro il tumore del fegato, neoplasia che nel 2017 ha fatto registrare 12.900 nuovi casi in Italia.

Lo dimostrano i risultati dello studio CELESTIAL di fase III in pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato (HCC), precedentemente trattati.

I dati sono stati presentati in una sessione orale del Congresso sui tumori gastrointestinali della Società americana di Oncologia Clinica (ASCO GI) che si è svolto recentemente a San Francisco. Nello studio CELESTIAL, cabozantinib, nuova terapia mirata, ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente importante rispetto al placebo sulla sopravvivenza globale (OS), endpoint primario dello studio, nella seconda analisi ad interim pianificata (critical p value prespecificato ≤ 0.021) nella popolazione di pazienti in seconda e terza linea arruolati nello studio.

La sopravvivenza globale mediana è stata 10,2 mesi con cabozantinib rispetto a 8,0 mesi con placebo (HR 0,76, 95% IC 0.63-0.92; p=0.0049). La mediana di sopravvivenza libera da progressione (PFS) era più che raddoppiata: 5,2 mesi con cabozantinib e 1,9 mesi con placebo (HR 0,44, 95% IC 0.36-0.52; p< 0.0001). I tassi di risposta obiettiva secondo i criteri RECIST versione 1.1 erano pari al 4% con cabozantinib e 0,4% con placebo (p=0.0086). Il controllo della malattia (risposta parziale o malattia stabile) è stato raggiunto dal 64% dei pazienti nel gruppo trattato con cabozantinib rispetto al 33% nel gruppo placebo.

In una analisi di sottogruppo di pazienti la cui unica terapia precedente per il carcinoma epatocellulare avanzato era stata sorafenib (70% dei pazienti nello studio), la sopravvivenza globale mediana è stata di 11,3 mesi con cabozantinib rispetto a 7,2 mesi con placebo (HR 0,70, 95% IC 0.55-0.88).

La mediana di sopravvivenza libera da progressione in questo sottogruppo di pazienti era di 5,5 mesi con cabozantinib rispetto a 1,9 mesi con placebo (HR 0,40, 95% IC 0.32-0.50).

Gli eventi avversi erano in linea con il noto profilo di sicurezza di cabozantinib.

Dalla rete

Advertise

Related reading

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search